Bardana: Virtù Terapeutiche

Loading...

Loading...

bardana sana

Pianta biennale proveniente dall'Asia, dall'America e dall'Europa (eccetto nel Mediterraneo), la bardana cresce in particolare sulle terre coltivate di recente,

ai margini delle strade e persino nelle terre abbandonate. È molto diffuso in Quebec.

Appartenendo al Famiglia delle Asteraceae (Asteraceae), bardana è una pianta che può raggiungere i 2 metri di altezza. È indentificabile per la sua radice carnosa e lunga 50 cm. Lei presenta fiori viola o porpora in cluster, delle mucchio nella parte inferiore, foglie grandi a forma di cuore e a picciolo lungo.

Bardana: per la piccola storia

La parola bardana ha le sue origini in antica etimologia e quello francese.
In effetti, il nome latino "Arctium lappa" sarebbe venuto da:

- "arctium" che, a sua volta, deriva dal greco "Arktos" che significa "riccio di mare", certamente a causa dell'aspetto del suo capitulum o infiorescenza.

- "lappa" che deriva dal greco "lambanô" che significa "afferrare", "appendere".

In breve, è un nome dato ai frutti "che si aggrappano ai vestiti".

Per quanto riguarda la sua etimologia in lingua francese, la bardana richiama il significato del nome "gratteron" nei suoi frutti raggruppati in piccole palle armate e i suoi ganci o barbe che si attaccano alle pellicce di animali (coda di gatto, cane), vestiti o capelli.

Una pianta "intelligente", diffonde i suoi semi in 3 modi diversi:

- oi suoi frutti rimangono sulla radice quindi, aperti a spargere i loro semi
- oi suoi frutti sono raggruppati in plotoni e, sul terreno, lasciati trasportare dal vento
- oi suoi frutti si aggrappano alla pelliccia di animali, capelli o vestiti.

Vengono quindi trasportati lontano dal loro luogo di origine e, attraverso la competitività, riescono a invadere altre specie vegetali in luoghi improbabili.

Bardana: una pianta con varie denominazioni

Particolarmente apprezzati da asini, zebre e cavalli, bardana chiamata ancora "cavolo d'asino" o anche "orecchie giganti" (per l'imponente dimensione delle sue foglie), sono stati attribuiti vari nomi dal più romantico al più improbabile: innamorato (perché non riesci a liberartene), rabarbaro selvatico, glouteron, graquias, bourrier, peterolle, carciofo, raptor, choubourrache, toques e persino "tabacco del diavolo"!

Bardana: virtù salutari e usi terapeutici

Qualunque sia il nome che gli viene dato, questo pianta virtuosa è noto per la sua efficacia nel trattamento di malattie croniche del cuoio capelluto e da pelle.

Da qui il suo nome francese "erba teigneux"!

In generale, molte sono le virtù terapeutiche attribuite alla bardana:

- disintossicante, épurativeBardana previene le condizioni della pelle stimolando le funzioni eliminatorie dei reni e del fegato.

- suoi proprietà ammorbidenti alleverebbe diversi tipi diinfiammazione e pizzicoresenza dimenticare dolore reumatico, intestinale eosteoartrite.

Caso per caso

Bardana: virtù terapeutiche: terapeutiche

© kolesnikovserg - Fotolia.com

- in Europa, bardana è una pianta medicinale le cui caratteristiche non sono esaustive: diuretico, antibiotico, sudorific, antidiabetico, antivénéneuse, attuale, coleretico, l '"erba nana" è usata per trattare naturalmente il tignama anche il cadere, ilantrace, ilacne, il morbillo, ileczema, il dermatosi, il pietre urinarie ascesso dentale e gola, il ferite, il morsi di vipere, il reumatismo, il malattie polmonari croniche, il raffreddori finale, il foruncolosi e il diabete (a causa della sua ricchezza in inulina).

Per quanto riguarda il suo radiciuna volta tagliato e cotto, serve come trattamento controanemia.

Sia in infusi, capsule, polveri, coloranti, decotti, estratti, impacchi, unguentile virtù terapeutiche della bardana sono varie.

Oggi bardana è entrata nel cosmetici biologici.
Le sue foglie fresche sono utilizzate nella produzione di lozioni destinate a cura dei capelliperché impediscono perdita di capelli.

- in medicina orientale, sotto forma di tisana, i semi di bardana sono usati per trattare la fatica, le malattie dell'apparato digerente (crampi allo stomaco), il tumori al seno…
Per quanto riguarda il suo succo, le sue virtù sono riconosciute per curare ilappendicite.

Virtù e gastronomia di bardana

In Europa, sono le foglie giovani, i piccioli fogliari della bardana vengono mangiati cotti o crudi.

Nei nativi americani, il consumo di foglie cotte o radici essiccate in una zuppa è stato recentemente introdotto nella loro dieta.

In Giappone, tuttavia, le varietà meno amare e più teneri di bardana si consumano nelle verdure, in combinazione con pastinaca, il carota o ancora, il scorzonera.

Si noti che l'infusione di bardana può essere presa al posto di a caffè.

bardana:Suggerimenti, dosaggio e consigli pratici

Una volta raccolte e frantumate le radici e le foglie, è consigliabile metterle in un contenitore ignifugo.

Quindi, passare il preparato così ottenuto in un panno pulito e usarlo come impiastro per trattare i problemi della pelle (psoriasi, eczema).

Contro i problemi della pelle di cuiacne o altre infezioni della pelle, preparare da 1,6 a 2,4 grammi di tintura in un bicchiere d'acqua. Bevi 3 volte al giorno.

L'uso diestratti di bardana è anche raccomandato dermatologia.
Sono presenti in alcune lozioni e creme.

in infusioneè consigliabile preparare da 3 a 6 g per tazza di radici e foglie di bardana in mezzo litro d'acqua. Lascia stare e bere 3 volte al giorno.

Questa preparazione può essere consumata come bevanda o addirittura applicata sulla pelle.

Buono a sapersi su bardana:

Si noti che una volta tagliata la radice di bardana si ossida molto rapidamente.

Per questo motivo, si consiglia di macerare i pezzi di radice in acqua molto fredda e lasciarli riposare per alcuni minuti.

Per un risultato perfetto, il rispetto dei dosaggi è essenziale.

Se i sintomi persistono, consultare immediatamente il medico. medico.

Loading...

Video: Coda Cavallina Pianta Dimagrante e Rimineralizzante.

Loading...

Condividi Con I Tuoi Amici