Un Allocco Nel Giardino

Loading...

Loading...

Coppia di gufi

Sorpresa: notturna e misteriosa, il gufo fulvo si incontra in campagna... come in città: " È uno dei pochi rapaci notturni che si possono trovare anche nelle grandi città: molte coppie nidificano a Marsiglia e si sono già riprodotte nel cuore di Parigi, anche se negli ultimi anni è lì è raro senza che si capisca esattamente perché ",spiega Romain Sordello, del Museo di storia naturale, per iniziativa di La Hulotte Parisienne.

Per andare oltre: puoi anche scoprire tutti i nostri articoli dedicati agli uccelli da giardino!

Fedele, il gufo fulvo

Purché, comunque, sappia come accogliere questo animale molto fedele al suo territorio... e al suo partner: "Nel corso della sua vita, l'allocco non cambia la sua compagna:una volta formato, la coppia non parte mai! "

Seguilo

Sul terreno, le piume striate di castagne chiare e scure indicano anche il suo passaggio... come la presenza di palle di rifiuto: "Sono piccoli pallini cilindrici, grigi e soffici, lunghi da 4 a 5 cm e di circa 2 cm di diametro, che contengono i detriti della preda che il gufo non è riuscito a digerire e che sputa così dalla cima del suo trespolo, possiamo trovarne alcuni a terra in piccole pile ai piedi degli alberi "dice Roman Sordello.

Palla di rifiuto di un allocco

Zoom su una palla di rifiuto del gufo: contiene detriti alimentari non digeriti dall'uccello.

Per i parigini, se lo troviun gufo fulvo è presente, anche di nicchia, nel tuo giardino, non esitare a contattare La Hulotte Parisienne, che sarà felice di informarti e di accompagnarti nelle tue osservazioni!

Riconosci il pianto del gufo fulvo

Discreto, il gufo? Nocturnal, passa spesso inosservata, solo il suo urlo la fa notare. Il suo fischio è in effetti ben noto: Hou hou, fa il gufo... maschio. Per quanto riguarda la femmina, è indicata dagli strilli più acuti riservati. Per allenare l'orecchio, è possibile ascoltare molte registrazioni di canzoni e grida.

Cosa mangia un gufo?

carnivoro, il gufo fulvo si diletta con i roditori: arvicole, topi di campagna, topi e persino, in città, topi. Può anche mangiare uccelli, tra cui piccioni, anfibi, pipistrelli e insetti. Tutto va bene... purché ci sia la caccia! Poiché l'uccello non è uno spazzino, non ha senso cercare di nutrirlo:" L'allocco ha bisogno di catturare ciò che mangia da sola, spiega Romain Sordello: lascerà carne e carcasse sul terreno. " A causa della sua dieta, i pesticidi sono ovviamente fatali per lui: "In caso di infestazione, i prodotti di tipo rodenticida o rodenticida devono essere vietati, è preferibile favorire le tecniche di cattura, come i tradizionali mouse swatter!"

Buono a sapersi!

Pulcini di gufo fulvo

Fai attenzione, i pulcini di allocco escono dal nido prima di essere completamente svezzati. Per diverse settimane, imparano a volare e cacciare intorno all'albero dove sono nati, sotto l'attenta supervisione dei loro genitori. Durante il giorno, possono ritrovarsi all'aperto e lasciare che pensino di essere abbandonati. Nessun problema, dice Romain Sordello:"Se vedi un giovane a terra, non portarlo da un veterinario, tranne se noti che è ferito, per esempio con un'ala rotta o sangue apparente. Il buon comportamento è lasciarlo acceso posto, possibilmente per spostarlo per depositarlo nella vegetazione, lontano dal passaggio e da predatori nascosti come gatti e volpi..."

Quali spazi sono favorevoli a lui?

il allocco è un uccello della forestar; in un ambiente abitato sono quindi i giardini boschivi e boschetti che cercherà in via prioritaria, più che giardini aperti con grandi prati.

Ama particolarmente i boschi che hanno uno strato erbaceo e arbustivo, perché favoriscono la microfauna e in particolare i piccoli roditori che caccia. Preferisce boschi di latifoglie piuttosto che di conifere, i cui aghi cadono, acidificano il terreno e impediscono la crescita della vegetazione. " La presenza di alberi con edera aumenterà anche la qualità dell'ambiente per questa specie, aggiunge Romain Sordello.Ivy, con il suo fogliame permanente, anzi offre i gufi oscuramento nascondigli per trascorrere la giornata con discrezione, estate e inverno, fuori dalla vista degli uccelli diurni che possono essere ostili a lui come corvi, gazze o le ghiandaie..."

Dove nidifica?

Durante la stagione riproduttiva, l'allocco investirà la cavità di un vecchio albero per nidificare. "Nei giardini, questi alberi vengono spesso rimossi perché i loro proprietari temono che cadrà,spiega Romain Sordello.Ma ecologico, la loro funzionalità è completamente diverso da esemplari più giovani: se non v'è alcun rischio di caduta o se è limitato, quindi non esitate a tenere, anche se l'albero è un po 'fragile, proteggerlo da un cerchio di erba alta per impedire ai bambini di accedervi e fare affidamento su di esso. "

Costruisci una casetta per gli uccelli per l'allocco

Se i vostri alberi del giardino sono tutti molto giovani, e quindi probabilmente non cavità naturali, è possibile creare una voliera, vale a dire una cavità artificiale: questa profonda cassa di legno, posta da 4 a 5 metri di altezza su un albero, permetterà all'uccello di riprodursi e riprodursii suoi piccoli: " D'altra parte l'attenzione, una volta collocata, pratica le tue osservazioni di lontano e discretamente per non disturbare i gufi possibili che la occuperanno. Ricordiamo che il Allocco è una specie protetta su tutto il territorio nazionale: è quindi vietato disturbare e ancor meno manipolare questi uccelli escludendo specifiche deroghe amministrative."

Piano di costruzione di una casetta per uccelli per i gufi

Per i fai-da-te, solo alcune assi di legno per fare un nido.

Infine, se il tuo giardino è sede di un vecchio edificio con mansarda, assicurati anche di lasciare delle aperture. I gufi di lontra possono usare le soffitte e i solai in sostituzione, per nidificare in assenza di cavità dell'albero. E in ogni caso, l'attico può anche essere favorevole per altri animali, come il pipistrello o il barbagianni...

Come migliorare la qualità notturna del tuo giardino?

Un gufo fulvo

il allocco, come un uccello che vive di notte, è estremamente sensibile all'inquinamento luminoso emesso dall'illuminazione artificiale:"I suoi occhi sono profondi in parabole che massimizzano la ricezione della luce di notte, il che gli permette di vedere anche a bassissima intensità luminosa, pari solo alla Luna o il cielo stellato" ricorda Romain Sordello. Pertanto, se si accende il vostro giardino, la scelta dell'illuminazione è importante: raggiungere coloro la cui luce è diretta al pavimento e non al cielo per limitare il rischio di abbagliamento. Allo stesso tempo, questo contribuirà a ridurre la partenza luce diffusa nell'atmosfera, creando un alone di luce sopra città e quindi mascherare le stelle. Il raptor - e gli astronomi - ti ringrazieranno!

Infine, è anche possibile utilizzare sensori di movimento per illuminare vicino alle tue esigenze... e quindi rendere l'allocchi il buio della notte, quando non si è nel vostro giardino!

Maggiori informazioni sull'inquinamento luminoso: nuitfrance.fr

Diagramma sull'inquinamento luminoso

Diagramma sull'inquinamento luminoso

Confronto di due luci: Se l'alone del fastidio prima gufi inclusi i rischi di abbagliamento, la seconda prevede la pace extra di uccelli.

Se ami gli animali notturni, forse ti piacerebbe sapere come dare il benvenuto a un porcospino nel tuo giardino?

Loading...

Video: IL GUFO CERCA CASA Guida ai nidi artificiali per rapaci notturni BookTrailer.

Loading...

Condividi Con I Tuoi Amici