Coleotteri: Il 40% Delle Specie Di Insetti

Loading...

Loading...

Carabe Beetle

Quando parliamo di scarafaggi (Coleotteri), è meglio specificare quale si parla perché si tratta di un vastissimo ordine di insetti (40%) di cui praticamente tutte le specie hanno la particolarità di avere elitre che si sovrappone alle loro ali. Coccinelle, coleotteri, coleotteri (di fronte), coleotteri di giugno, Cetonia dorata (sotto), storione di aquiloni, scarafaggi, tonchio, ecc. Sono tutti coleotteri.

Coleotteri: carta d'identità

La caratteristica principale di quasi tutti i coleotteri è il loro esoscheletro a guscio duro, che contiene le elitre, che è una specie di primo paio di ali opache. Le elitre sono ali che non sono abituate a volare, proteggono le ali membranose che si trovano sotto. Alcune specie di Coleotteri non hanno né ali né elitre e non volano.

La loro testa è equipaggiata, sul davanti, con organi di schiacciamento, così come gli occhi che sono diversi (con ocelli o meno) secondo gli scarafaggi. Antenne più o meno importanti servono per l'olfatto o per il tatto.

Dietro la testa appare il baule sul quale sono collegate le tre paia di zampe. Hanno artigli alla loro estremità, sono abituati a muoversi ma anche per alcune specie a nuotare o scavare nel terreno, o anche a saltare per rimbalzi.

cetonia dorata, coleottero

Oltre il torace è l'addome costituito da una serie di anelli finemente perforati con stimmi da cui respira l'insetto.

La riproduzione dei coleotteri varia a seconda della specie, ma la secrezione dei feromoni o l'uso della bioluminescenza svolgono un ruolo importante. Può quindi aver luogo un'esibizione di corteggiamento che a volte provoca lo stridulo delle ali. Infine, l'accoppiamento avviene permettendo allo sperma di entrare nella femmina per fecondare le uova. Questi si depositano sulle foglie, principalmente nelle radici, sebbene alcune specie siano ovoviparose.

Il periodo larvale, una volta che le uova si sono schiuse, può durare più o meno lungo. Le larve si nutrono di piante che possono renderle predatorie. Dopo diverse mute, la larva diventerà una ninfa, assumendo la forma di un adulto ma più pallida e più fragile. Alla fine, passerà al palcoscenico adulto.

I coleotteri sono spesso alleati nel giardino

I coleotteri si nutrono in modo diverso su diverse specie: erbivori, onnivori, carnivori, ma molti di loro effettivamente rompono i rifiuti organici delle piante, si nutrono di animali morti o escrementi, in particolare i vertebrati. Di conseguenza, la maggior parte del lavoro per il giardiniere e non sono dannosi: il più noto è la coccinella che mangia le colonie di afidi. Ma per esempio, c'è anche la larva di cetonia (da non confondere con quella del chafer che è distruttivo) che vive nel compost e aiuta ad evolversi. Allo stesso modo, gli scarafaggi a terra sono molto efficaci nel pulire il giardino di lumache e lumache che sciamano in primavera. Va anche ricordato che alcuni coleotteri sono impollinatori.

Per mantenere i coleotteri nel tuo giardino, tieni i pacciami installati durante l'estate: i coleotteri si ripareranno durante l'inverno. Allo stesso modo, le alte erbe, i vecchi ceppi, le pietre piatte sono così tanti spazi selvaggi che permettono ai coleotteri di rifugiarsi.

Scarabeo del Colorado, coleottero nocivo

Tuttavia, alcuni coleotteri sono parassiti (coleotteri, scarabeo, alltises punteruolo, piccolo scarabeo dell'alveare...) e meglio come la catena alimentare funziona bene per gli uccelli, pesci, rettili e piccoli mammiferi si forbear che un morso Tuttavia, alcuni coleotteri usano tecniche per sfuggire ai loro predatori (mimetizzazione, mimetismo, secrezione di sostanze tossiche, spine...).

Come molti insetti e piccoli animali, i coleotteri sono vittime di pesticidi, in particolare insetticidi. La gestione intensiva delle foreste piuttosto che quella sostenibile limita la presenza di alberi morti e alberi senescenti che sono rifugi per i coleotteri. E poi le macchine sono anche gigantesche trappole di scarafaggi.

Loading...

Video: .

Loading...

Condividi Con I Tuoi Amici