Giardini In Movimento: Incontro Con Gli Appassionati Della Creuse

Loading...

Loading...

Sotto il tiglio centenario (a destra), la fattoria è stata ristrutturata su tre livelli supportati da muri in pietra. La ghiaia ospita alcune gamme di piantine naturali (digitale, euforbia, sedum), mentre le piantagioni di arbusti sono concentrate lungo gli edifici. All'estrema sinistra, le foglie scure di Gleditsia triacanthos "Pizzo rubino" sul luminoso "Spirito d'oro" del Cotinus.

È un giardino semplice, non appariscente per due centesimi, come il suo terroir, straordinario per chi sa come aprire gli occhi! Deve i suoi teneri colori di una rara sottigliezza a una quantità impressionante di alberi e arbusti, tutti diversi, accompagnati da perenni altrettanto delicate. I suoi attori sono uomini d'arte - un vivaista, l'altro plastico - che la passione dei giardini condusse nella Creuse, ai piedi del parco regionale dell'altopiano di Millevaches.

Una fattoria centenaria

"Siamo nel villaggio della mia famiglia, la nostra casa è adiacente alla fattoria dove i miei nonni hanno sempre vissuto", dice Pascal Lecerf che è tornato a lavorare negli anni 2000. La sua scuola materna inizia a parlare di lei da quando Jean-Paul Agier lasciò le sue attività parigine per unirsi a lui. I due compagni sembrano aver trovato in questo boschetto conservato un luogo di perfetta ispirazione. La ristrutturazione della casa è stata completata con la ristrutturazione del vecchio forno. Il giardino, si evolve sempre secondo l'immaginazione dei proprietari: hanno revisionato molto negli ultimi anni, ma non hanno rivelato i loro ultimi piani.

Giardini all'ingresso delle Marche

Alla fine del vialetto in petali di ardesia,Carpinus polyneura con la sua brillante corteccia.

Giardini terrazzati in movimento

All'estremità meridionale del giardino, sotto vecchi larici, la terrazza con pontili in larice si affaccia sulla campagna.

Giardini in movimento

"L'inverno è molto attivo, quando le piante sono a riposo, tocca a noi giocare", cioè piantare, spostare, rielaborare senza disturbare la pianta, cambiando un quadrato in una forma arrotondata, passando un nuovo percorso, chiudi una siepe... Quindi vai in giardino, sempre in via di sviluppo. Questi sono alimentati dall'introduzione di nuove piante, selezionate per la loro resistenza alle condizioni naturali di questa regione piuttosto fresca, situata sulle propaggini settentrionali del Massiccio Centrale.

Da sinistra a destra:

  • 'Long Thorn' - lunga colonna vertebrale - descrive le imponenti spine di questobiancospino (Crateagus succulenta) particolarmente bello in inverno quando viene spogliato delle sue foglie. Le sue bacche sono molto gustose.
  • Lonicera involucrata var. ledebourii è un caprifoglio cespuglioso, americano, deciduo e perfettamente rustico. È notevole per le sue brattee rosse che accompagnano le trombe gialle dei fiori e in seguito le bacche nere.
  • il Heptacodion ha una bella corteccia e un bel porto non troppo alto; questo piccolo albero ha conquistato i giardinieri dell'ultimo decennio con le sue ultime fioriture, bianche e intensamente profumate, seguite da brattee viola molto presenti in autunno.

Da sinistra a destra:

  • Lamiastrum galeobdolon 'Orgoglio di Hermann' e Iris germanica I variegati formano insieme un tappeto leggero semipersistente, molto tenace nel prosciugare il terreno.
  • il Giglio martagone "Arabian Night" non riusciva a trovare un'ambientazione più bella del fogliame viola luccicante e dei cespugli biondi del giardino in primavera.
  • Gli steli alti di Eremuruscrea l'evento sotto gli alberi di sorbo un mese dopo che sono deflorati. Queste piante, i cui tubercoli a forma di stella sono quasi sorprendenti come il fiore, provengono da altipiani aridi; sono resistenti ma sensibili all'umidità.

Pietre e legno di larice

Qui nessun prato, ma piuttosto pacciami di ghiaia o ardesia recuperati per la riparazione dei tetti. La pendenza naturale del giardino era orientata a nord. E 'stato ristrutturato in diverse fasi tenute da pareti, montate con le pietre degli annessi crollati. Si coprirono rapidamente con muschio sul lato nord. In particolare, hanno permesso di guadagnare qualche grado ai piedi delle piante preservandole dai venti freddi, senza perdere luce. Sentieri di legno di larice penetrano nei boschetti che attraversano i piedi secchi e il grande pontile sotto i larici, con una vista completa sulla campagna.

Sotto il tiglio secolare (a destra), l'aia è stata ristrutturata su tre livelli sostenuti da muri in pietra.La ghiaia ospita alcune gamme di piantine naturali (digitale, euforbia, sedum), mentre le piantagioni di arbusti sono concentrate lungo gli edifici. All'estrema sinistra, le foglie scure di Gleditsia triacanthos "Pizzo rubino" al luminoso 'Spirito d'oro' di Cotinus.

Incorniciato in primo piano da un bosso a sinistra, un agrifoglio a destra, la scena si concentra sul fiammeggiante Cotinus 'Grazie' accompagnato a destra di due Malus 'Fotografia', melo con fiori molto scuri. Il fogliame viola in primavera e in autunno è verde in estate.

Pascal Lecerf e Jean-Paul Agier, i proprietari, felici di aver scelto la Creuse.

È la natura che lo circonda e le nostre collezioni sono sempre legate alla flora locale.

Vicino alla natura

Il numero di taxa raccolti nel giardino sembra non conoscere limiti, ma le collezioni sono mirati intorno alle specie nel Limousin includono l'anziano, sorbo, mela e biancospino... che il vivaio è specializzato in passando non meno di 105 taxa, compreso un grosso contingente dagli Stati Uniti. "Il clima nordamericano, abbastanza vicino alle nostre condizioni, offre un interessante serbatoio di piante molto resistenti." Il Clethra ha guadagnato all'asilo nido due premi d'autunno per le campane tardive. C. alnifolia 'Settembre bellezza' e C. tomentosa Premi che possono solo motivare ancora e ancora i due appassionati.

Scopri il biancospino di frutta con Pascal Lecerf (Jardins en Marche)

Scopri i biancospini decorativi con Pascal Lecerf (Jardins en Marche)

Benvenuto alla natura

La diversità vegetale del giardino favorisce l'installazione di un'intera fauna che contribuisce alla buona salute delle piante. In inverno, il riccio trova rifugio sotto le perenni sempreverdi, rannicchiato sotto le palle di foglie respinte dal ventilatore del giardiniere. Gli uccelli trovano da bere nella cavità delle pietre; si nutrono di bacche e insetti che abitano pietre e legno morto; qui non c'è bisogno di costruire case di insetti, i rifugi sono dappertutto.

I ricci sono i benvenuti nel giardino.

Scopri i buoni indirizzi della regione: giardini da visitare, dove dormire, dove mangiare.

In pratica
Giardini in movimento
5, Montabarot
23400 Saint-Dizier-Leyrenne
Tel. + 33 5 55 64 43 98 e + 33 6 71 20 87 86
jardinsenmarche.fr
Visita su appuntamento. Scuola materna sul posto. Cottage in giardino sotto la fionda di tiglio. Presente in molti festival di piante.

Loading...

Video: .

Loading...

Condividi Con I Tuoi Amici