Concimi Verdi, Fertilizzanti Naturali: Senape, Trifoglio, Grano Saraceno...

Loading...

Loading...

Vera alternativa ai fertilizzanti chimici, il cui dosaggio e utilizzo non sono necessariamente alla portata di tutti, l'uso di concimi verdi nel giardino è una vera manna per il giardiniere. Questo metodo è molto popolare con i giardinieri biologici.

la phacelia come concime verde

L'idea?

Ottimizza il tuo campo rendendolo utile durante il suo periodo di riposo, il tutto dandogli una nuova giovinezza.

Il principio?

Coltivare piante che saranno eventualmente sepolte nel terreno, al fine di arricchirlo. Infatti, le piante di concime verde hanno un apparato radicale molto sviluppato che consente loro di attingere nutrienti negli strati profondi. Una volta tagliati e sepolti, durante la loro decomposizione, rilasceranno tutti questi nutrienti nello strato superiore. Si noti che i concimi verdi recupereranno anche durante la crescita tutti i nutrienti in eccesso abbandonati dal raccolto precedente.

Perché usare il concime verde?

Innanzitutto, come suggerisce il nome, il concime verde è un fertilizzante, quindi porterà nel tuo terreno le sostanze nutritive di cui ha bisogno per adattarsi meglio al tuo giardino. Ma soprattutto, il concime verde fa bene all'ambiente, poiché sostituirà l'uso di sostanze chimiche come i fertilizzanti venduti nei negozi.

Inoltre, al di là delle sue qualità nutrizionali, il concime verde ha altre virtù che sono legate alla sua cultura. Perché privarsi dei suoi benefici acquistando un fertilizzante pronto all'uso che è velenoso per l'ambiente. Va bene, dici, ma quali sono questi benefici?

  • Le piante con un forte sistema di radici vengono utilizzate come concime verde. Man mano che si sviluppano, queste radici frammenteranno la terra, migliorandone l'aerazione e il drenaggio.
  • Alla fine della stagione, una volta che i raccolti sono stati fatti, se il terreno rimane nudo, lascerà uscire il nitrato che andrà dritto nelle acque sotterranee. Se un letame verde viene coltivato lì, intrappolerà questi nitrati e li conserverà per il raccolto successivo.
  • Alcune piante usate come concime verde sono un'ottima copertura del terreno, che la proteggerà dall'erosione e clisteri.
  • Infine, le piante di letame verde sono in genere piuttosto invasive, non lasceranno spazio per la crescita delle infestanti.

Per un effluente verde efficace

Il concime verde deve essere seminato alla fine del raccolto precedente, molto prima delle prime gelate. Per alcune aree che sono adatte per piante sensibili al freddo, è possibile seminare il letame verde in primavera, a condizione che abbia un ciclo breve.

Le piante devono essere tagliate al momento della fioritura perché è in questo preciso momento che la massa organica è al suo massimo, l'equilibrio con l'azoto è in questo periodo perfetto.

Fai attenzione: taglia sempre le piante prima di andare a seminare! Primo, perché i semi assorbirebbero alcuni dei nutrienti. Ma soprattutto, non vorremmo che il nostro concime verde si diffondesse in tutto il giardino, che improvvisamente creerebbe un'erbaccia.

Prima di seppellirli, pensa di macinare il tuo concime verde, altrimenti sarebbe scarsamente assimilato e potrebbe interrompere la vita microbica del tuo suolo.

Infine, pianificare circa 3 settimane - 1 mese prima della successiva semina. Il fertilizzante deve avere avuto il tempo di essere completamente decomposto. La decomposizione incompleta inibirebbe la germinazione e l'emergenza del raccolto successivo.

Suggerimenti su quali piante usare

Distinguiamo principalmente grandi famiglie di piante utilizzate come concime verde: legumi, erbe, crocifere (brassicaceae)...

Tra le Fabaceae (legumi):

  • Erba medica (Medicago sativa): consente di migliorare terreni troppo argillosi e leggermente humus.
  • Il trifoglio cremisi (Trifolium incarnatum) : forma un tappeto denso che proteggerà bene il terreno. Arricchirà il tuo terreno con l'azoto.
  • Il fagiolo: essendo dotato di un forte apparato radicale, consente una buona aerazione e un buon drenaggio del terreno.
  • Lupin (Lupino luteo)Sintetizza l'azoto dall'aria, lo ricicla nel suolo e limita gli apporti di fertilizzanti per le colture successive.
  • il veccia comune (Vicia sativa): arricchisce il terreno con azoto e copre bene il terreno impedendo le erbe infestanti.

veccia comune come concime verde

Tra le Poaceae:

  • Segale (Secale cereali L.)È noto per uccidere efficacemente quackgrass. (Tuttavia, fai attenzione a non piantarlo prima di un raccolto crucifero, la segale è un portatore di ernia cavolo).
  • Loglio italiano: avere il vantaggio di germogliare anche in terreni freddi, può essere raccolto e seppellito prima.

Tra le Brassicaceae:

  • Stupro invernale (Brassica napus L.): molto resistente al freddo, può sopravvivere fino a -15° C. Inoltre, il suo apparato radicale sviluppato consentirà una buona aerazione e un buon drenaggio del terreno.
  • Senape (Sinapis alba) permette di disinfettare bene il terreno. Attenzione però, la senape non supporta affatto il freddo.

mostarda come concime verde

Tra le Hydrophyllaceae:

  • Phacelia (Phacelia tanacetifolia) (foto 1): attrae le api, ferma lo sviluppo delle infestanti e migliora la struttura del suolo.

Tra le Polygonaceae:

  • Grano saracenoPolygonum fagopyrum): non lasciare la terra nuda, coprire lo sviluppo delle erbe infestanti e per i suoi contributi di carbonio.
Loading...

Video: .

Loading...

Condividi Con I Tuoi Amici