Cavolo Romanesco: Dolce E Decorativo

Loading...

Loading...

romanesco

Il cavolo romanesco è un ortaggio italiano apprezzato per il suo gusto e il suo lato decorativo.

In breve, cosa devi sapere:

Nome: Brassica oleraceavar. botrytis
famiglia: Brassicaceae
tipo: Verdura, biennale

esposizione: Soleggiato
terra: Fresco, profondo, umido e ricco

vendemmia
: Da giugno a novembre

La manutenzione, dalla semina e piantagione alla raccolta, ti aiuterà ad avere dei bei germogli romanesco. (Foto: © shustrilka)

Semina, piantagione di cavolo romanesco:

Il momento migliore per iniziare a coltivare Romanesco è all'inizio del primavera su inizio estate. Spargendo le piantine, diffonderai anche i raccolti futuri.

Ma dato il clima, è meglio coltivare cavoli romanesco in estate per un raccolto in autunno.

Semina del cavolo romanesco:

La coltivazione del romanesco è piuttosto lenta poiché dura quasi 7 mesi tra la semina e la raccolta.

  • Seminare nel mese di Marzo / Aprile sotto il riparo per un raccolto in autunno
  • Possiamo anche iniziare la semina a febbraio, caldo.
  • Seminare Da maggio a luglio direttamente nel terreno per un raccolto in inverno se i cavoli sono protetti da novembre

Piantagione di piante di cavolo romanesco già coltivate:

Il periodo di semina del romanesco è subito dopo le ultime gelate, intorno a metà maggio, fino a settembre per un raccolto a novembre.

  • Il cavolo romanesco apprezza i terreni ricchi ma anche e ben drenato, teme l'eccesso di umidit√†.
  • Lui gode del sole.
  • Piantare il cavolo romanesco in un buon terreno del giardino, idealmente arricchito con fertilizzante azotato
  • Spazi ogni pianta da 60 a 80 cm in tutte le direzioni

Manutenzione del cavolo romanesco:

Non appena le piantine hanno minimo 3 a 4 foglietrapiantare direttamente proteggendo il raccolto se questo viene fatto prima di maggio.

  • Il trapianto avviene ogni 40 cm.
    Questa spaziatura è necessaria per consentire alle piante di crescere.
  • Piantare in un terreno ben lavorato.

Cospargimento del cavolo romanesco:

Il cavolo romanesco è goloso in acqua e deve essere annaffiato, soprattutto in caso di siccità.

  • Acqua regolarmente ma moderatamente per mantenere una buona umidit√†.
  • Evitare di annaffiare le foglie per evitare funghi.
  • Una buona pacciamatura aiuta a mantenere l'umidit√† nel terreno
  • Una buona zappa pu√≤ limitare il numero di annaffiature.
  • Irrigazione a notte limita l'evaporazione.

Parassiti e malattie del cavolo romanesco:

Uno dei principali nemici dei resti del cavolo romanico muffa. L'umidità è la causa principale della peronospora.

  • Evita di innaffiare il fogliame dei tuoi sbuffi romanesco
  • Non stringere troppo le piante per ventilare le foglie
  • Trova il nostro consiglio per lotta contro la muffa

Tra i parassiti che danneggiano il cavolo romanesco, notiamo:

il lumache e lumache ma ancheafidi e, naturalmente,cingolato.

Per tutti questi parassiti, evitare a tutti i costi i trattamenti chimici che possono contaminare le verdure e il terreno in cui crescono.

Raccolta del cavolo romanesco:

Cavolo romanesco: dolce e decorativo: romanesco

Quando e come raccogliere il romanesco, qual è il momento migliore:

La raccolta del cavolo romanesco avviene quando i coni del centro sono di dimensioni sufficienti.

La raccolta avviene circa 3 mesi dopo la semina, ma può variare a seconda delle condizioni meteorologiche.

Aspetta fino a quando la testa non è ferma, strappata o tagliata via perché non ci saranno altre colture su questa pianta (Foto: © Mushy)

Raccogli i tuoi ultimi germogli romanesco prima delle prime gelate o proteggerli dal freddo.

Consiglio astuto sul cavolo romanesco:

Porta i nutrienti al tuo cavolo (fertilizzante, concime e alghe) per stimolare la crescita e soprattutto migliorare il tuo raccolto!

  • Trova tutto suggerimenti per la crescita di cavoli con cavolo arricciato
  • Trova tutto consulenza crescente di cavoletti di Bruxelles

Loading...

Video: Frittelle di cavolfiore e prezzemolo - Tutorial di Coccole Golose.

Loading...

Condividi Con I Tuoi Amici