Fillossera, Un Insetto Infestante Della Vite

Loading...

Loading...

fillossera (Daktulosphaira vitifoliae)

La fillossera, tutti hanno sentito parlare delle devastazioni che ha causato sui vigneti in Francia e in tutta Europa dall'inizio del 1860. Tuttavia, poche persone sanno che questo flagello che ha abbattuto sulla vite è dovuto ad un insetto che ha dato il nome al danno: fillossera (Daktulosphaira vitifoliae).

Fillossera: carta d'identità

La fillossera è un insetto pungente e succhiante che assomiglia ad un afide. È molto piccolo: tra 0,3 mm e 3 mm, e il suo colore varia dal giallo al marrone. Esistono due tipi in base al caso della riproduzione:

  • Fillossera con riproduzione asessuata (o assimilata, a causa della partenogenesi): gli insetti non hanno ali, non superano 1,4 mm e vivono sia sulle foglie che sulle radici.
  • Fillossera con riproduzione sessuale: questi insetti non si nutrono e mostrano un forte dimorfismo sessuale poiché i maschi senza ali sono molto piccoli (massimo 0,5 mm) mentre le femmine possono misurare fino a 3 mm e hanno ali trasparenti.

È la fillossera che nutre, quindi le forme partenogenetiche, che devono essere temute. I gallicoli fillossera, che vivono sulle foglie, succhiano le foglie che hanno la conseguenza di sviluppare galle e fogliame giallo ma senza uccidere il piede. D'altra parte, chi vive di radici, forme radicolate, è il peggiore dal momento che pungono le radici, provocando ferite che si infettano a tal punto che queste tuberosità indeboliscono il piede che alla fine muore.

La riproduzione della fillossera

La riproduzione della fillossera è molto particolare e piuttosto complicata. L'accoppiamento in tarda estate tra maschio e femmina dà luogo alla deposizione di un uovo invernale che si schiude in primavera per dare vita ad una femmina senza ali. Questa larva scenderà alle radici e dopo 3 mute (3 settimane), sarà adulta e può deporre un massimo di 100 uova, tutte femmine, per partenogenesi che consiste nel dividere un gamete femminile non fecondato. Questo ciclo può essere ripetuto da 5 a 6 generazioni.

Quando arriva l'estate, si verifica una nuova muta per tutte queste femmine che diventano ninfe, e infine la filossera alata le cui uova schiuderanno maschi e femmine che vivranno solo il tempo di accoppiamento per produrre il uovo d'inverno. Inizia un nuovo ciclo di allevamento annuale.

fillossera gallicola che cresce sulle foglie

Per quanto riguarda la riproduzione della fillossera gallicola, la femmina depone in media 600 uova che lasceranno larve che conosceranno 4 mute prima di diventare adulti. Questo ciclo può essere ripetuto per diverse generazioni, ma rimarrà sui fogli.

Fillossera oggi

La fillossera originaria degli Stati Uniti è stata importata in Europa, distruggendo una parte enorme del vigneto indipendente. Tre decenni saranno giusti per l'insetto grazie al reimpianto di viti da portinnesti di origine americana naturalmente resistenti al parassita. Questa tecnica ha permesso di salvare varietà di uva francesi che hanno ciascuna la loro tipicità e carattere.

Oggi poche uve vengono innestate in Francia perché poche sono state risparmiate dalla fillossera nel diciannovesimo secolo. Sono spesso viti piantate in terra sabbiosa, più resistenti alla filossera perché la struttura e la fluidità della sabbia tende a impedire che gli insetti scendano alle radici perché al minimo movimento si muove la sabbia. Inutile dire che i vini prodotti in questi vecchi vincitori e vigneti protetti valgono oro!

Oggi la fillossera non deve più essere temuta dai viticoltori che hanno tutti innestato viti. Ma è necessaria cautela perché la natura sa come adattarsi come dimostrato dall'attacco della fillossera negli Stati Uniti (California) negli anni '90 che riguardava i portinnesti non abbastanza resistenti...

(Foto di credito 2: Anita Gould - CC BY-NC 2.0)

Loading...

Video: Infestazione di TRIPIDE su piante ornamentali, vista al microscopio..

Loading...

Condividi Con I Tuoi Amici