Il Rake, Lo Strumento Per Livellare O Raccogliere

Loading...

Loading...

Il rake, lo strumento per livellare o raccogliere

La prima forma di rastrello si è evoluto poco, se non dall'uso di nuovi materiali nella sua fabbricazione. Il rastrello a mano consiste in un pezzo di metallo, plastica o legno, come origine.

Ricorda la forchetta o il pettine con i denti sparsi su una traversa, che è fissata nel mezzo a un lungo manico di legno o metallo, a volte foderato con manici in plastica per il massimo comfort. Ci sono anche rastrelli con lame flessibili e denti più lunghi e disposti in una ventola che consente una radiazione più ampia per raschiare foglie morte e tagli d'erba, da qui il nome di raschietti. Altri rastrelli, chiamati scarificatori, sono dotati di lame per aerare i prati rimuovendo la schiuma.

Per molto tempo, il rastrello è stato usato per rastrellare il fieno nella stagione giusta. Il suo uso si diversificò intorno alla metà del 19° secolo con la crescita dei giardini privati. Il rake è ancora uno strumento manuale usato ancora oggi nella raccolta di foglie o rametti ma soprattutto per l'uso per livellare la terra appena zappato e ripulito dalle erbacce per sbarazzarsi di pietre o zolle che rimangono. È quindi sua missione cancellare le più piccole imperfezioni del terreno, progettare al massimo per prepararsi bene ad accogliere qualsiasi altra operazione di giardinaggio.

La parola francese rastrello deriva dal latino rastellum, diminutivo di rastum.

Nel calendario repubblicano, rake è il nome dato il decimo giorno (decadi) dell'ottavo mese (floreale).

In inglese il rake si chiama "rake"

Loading...

Video: rastrello sassi e terreno grande.

Loading...

Condividi Con I Tuoi Amici