Ulluco (Ullucus Tuberosus), Tubero Delle Ande

Loading...

Loading...

Il ulluco (Ullucus tuberosus) chiamato anche ulluque è un tubero divertente originario della Cordigliera delle Ande e del Perù, ancora abbastanza confidenziale in Francia e in Europa mentre è noto dal XIX secolo, periodo di carestia dove, a causa della sua buona resistenza per muffa, avrebbe potuto essere un serio concorrente della patata se fosse stato più grande.

Ulluco (Ullucus tuberosus) o ulluque, tubero delle Ande

Infatti, i tuberi ulluci sono piccoli, delle dimensioni di un dado quando sono rotondi e fino a 5-7 cm quando sono oblunghi. Sono ricoperti da una buccia liscia di colore giallo, arancio, rosso porpora, verde o bianco, talvolta con macchie ma la carne, più soda della patata, è bianca o gialla, mucillaginosa a crudo, con un gusto tra la barbabietola e la patata. Il loro apporto proteico è interessante, per non parlare del fatto che sono anche una fonte di calcio e vitamina C.

Il tempo di coltivazione dell'ulluco è lungo: circa 7 mesi tra la semina e la raccolta. Inoltre, per crescere, i tuberi hanno bisogno di brevi giorni di caduta.

La pianta è alta da 40 a 50 cm ma si estende per circa 90 cm, con i suoi gambi striscianti verdi a volte rossastri. Foglie alterne, succulente, spesse, lucenti, sono decidue ma vengono anche consumate cotte, con un gusto tra spinaci e acetosa. I fiori appaiono all'inizio dell'estate, producendo nel loro ambiente originale un singolo frutto secco che contiene un singolo seme.

  • Famiglia: Basellaceae
  • Tipo: Perenne coltivata in annuale
  • Origine: Perù, Bolivia, Ecuador
  • Colore: giallo, arancione, rosso porpora, verde o bianco
  • Semina: no
  • Taglio: sì
  • Piantagione: maggio
  • Vendemmia: ottobre-novembre
  • Altezza: da 25 a 50 cm

Terreno ideale ed esposizione per il úluco

L'ullucca ha bisogno soprattutto di una situazione soleggiata per produrre tuberi, in un terreno profondo, leggero, umido e ben drenato. Non resiste alla siccità e al caldo estivo poiché nelle Ande la pianta non ha più di 25° C e non resiste al gelo. Dobbiamo trovare il giusto equilibrio.

Data di impianto di ulluco

È in primavera che pianterai tuberi interi o tagliati (a condizione che abbiano occhi), 5 cm di profondità e distanziati tra 50 e 90 cm l'uno dall'altro. Nelle regioni meridionali con un clima mite, la semina inizierà ad aprile e più a lungo si ritorna, più sarà tardi, a seconda delle gelate, a maggio o giugno.

Consiglio di manutenzione e cultura di ulluco

L'ullucca necessita di annaffiature regolari per mantenere il terreno fresco ma non inzuppato. Durante l'estate, gli steli strisciano a terra e sviluppano stoloni che daranno ai tuberi: quindi non fare il pacciame in anticipo. È necessario aspettare fino a settembre quando hanno finito di crescere, per fare una specie di stalla con un pacciame di foglie, ad esempio, prestando molta attenzione perché gli steli sono fragili.

Raccolta, conservazione e uso dell'ulluco

Quando le parti aeree del úluco hanno subito le prime gelate, la raccolta dei tuberi può iniziare, fine ottobre, inizio novembre secondo le zone. Agisci in una giornata di sole e lascia asciugare i tuberi a 24 o 48 ore sul terreno.

Ulluco (Ullucus tuberosus) o ulluque, tubero delle Ande

Lo stoccaggio avviene nella sabbia, in una cantina o in altri luoghi freschi, umidi e scuri mentre diventano verdi alla luce.

Il úluco viene consumato cotto, con la buccia, rimanendo fermo dopo la cottura (bollito o fritto) e offrendo un sapore tra la barbabietola (dolce) e la patata (terra). Serve come accompagnamento come patate.

Malattie, parassiti e parassiti di úluco

Le lumache attaccano le giovani piante e le arvicole sgranocchiano i gambi. Ma la pianta è particolarmente sensibile ai funghi del genere Verticillium e Fusariume può trasportare virus come il mosaico di patate.

Posizione e associazione favorevole di ulluco

È una pianta che cresce nel giardino come altre colture.

Varietà raccomandate di Ullucus per piantare nel giardino

C'è solo una specie del genere Ullucus Tuberosus, ma ci sono diverse varietà che offrono tutti i tipi di colori tuber.

Una sottospecie selvaggia (Ullucus tuberosus ssp. Aborigineus) si incontra anche.

(crediti fotografici 1: Frank Vincentz - CC BY-SA 3.0 e foto2: Eric Hunt - CC BY-NC-ND 2.0)

Loading...

Video: .

Loading...

Condividi Con I Tuoi Amici