Qual È La Dieta Ideale Per Il Suo Gatto?

Loading...

Loading...

L'obesità nei gatti è un problema crescente, specialmente nei gatti indoor con uno stile di vita sedentario. Per questo motivo, è importante controllare sia la quantità che la qualità del cibo che dai al tuo gatto, senza affamarlo!

Così, la razione giornaliera del gatto domestico dovrebbe essere abbastanza energia per soddisfare le loro esigenze nutrizionali, e per evitare eventuali comportamenti alimentari compulsivi possono portare a chiamare continuamente o addirittura rubare il cibo umano, non è raccomandato per la sua salute...

Come nutrire il tuo gatto?

Che tipo di dieta dà al tuo gatto?

Patty o crocchette: questa è la scelta che viene offerta a qualsiasi proprietario di gatti, sia che si tratti di alimenti industriali venduti in supermercati o prodotti veterinari di qualità superiore. La soluzione è semplice: la dieta deve essere equilibrata, vale a dire sufficientemente variata nei nutrienti e dosata correttamente per una nutrizione ottimale. Fondamentalmente carnivoro, la nostra piccola tigre domestica deve sfruttare tutto il suo apporto di proteine, acidi grassi, tiamina (vitamina B1) e taurina, indispensabile per "aumentare" la fornitura di aminoacidi.

Il cibo deve anche essere una fonte di altre vitamine come la vitamina A e la vitamina D, che il corpo del gatto non è in grado di produrre da solo. Pertanto, anche prima di scegliere tra cibo umido e crocchette, è importante comprendere tutte le sue esigenze energetiche e verificare sistematicamente la composizione dei prodotti disponibili sul mercato. Quindi, la razione deve essere adattata allo stile di vita del tuo animale.

I bisogni calorici del gatto

Se il gatto ha accesso a pasti molto ricchi, il suo corpo trasformerà facilmente i pasti in calorie, che possono quindi essere utilizzate in modo ottimale attraverso la corretta assimilazione dei nutrienti. Per un adulto gatto 6 chili, ci vorranno 360 chilocalorie (kcal) al giorno, garantendo al tempo stesso l'esatta composizione della dieta e regolare la dose in base ai seguenti criteri: tutti i giorni l'attività fisica, l'età, la sterilizzazione, gravidanza e l'allattamento s è un gatto

In termini di età, la dieta deve rispettare tre fasi della vita del gatto: crescita (fino a 1 anno), età adulta (da 1 a 7 anni) e "vecchiaia" (dopo 7 anni ). Se il gatto è castrato, bisogna fare attenzione a non superare i 40 Kcal al giorno e al chilo, o 240 calorie per un gatto di 6 kg. Questo è particolarmente vero per gatti e gatti che non si spendono da soli.

Quale dieta per un gattino?

Dopo lo svezzamento, circa 12 mesi, il gattino può iniziare a mangiare cibo industriale. È quindi possibile optare per una dieta di "crescita" con una dieta a volontà: fino a 6 mesi, il gatto giovane può mangiare quanto vuole, e quando lo fa, è che ne ha bisogno. Il nostro consiglio è di comprare cibo per i gattini, che diamo in molti piccoli pasti durante il giorno, senza limiti a priori. Per motivi pratici ed economici, le crocchette sono spesso la soluzione migliore perché non richiedono preparazione e sono più economiche delle scatole. Inoltre, la masticazione fa bene all'igiene dentale del gattino.

Quale dieta per un gatto anziano?

Dopo i 7 o gli 8 anni, il gatto può essere considerato "senior" e il suo fabbisogno energetico diminuirà anche se continua a uscire e a spendere se stesso. È quindi necessario che anche il valore energetico dei pasti diminuisca, e questo in modo progressivo per non frustrarlo. In media, si raccomandano da 48 a 50 Kcal al giorno e al chilogrammo. Regolare la dose e la natura del suo potere nutrizionale permetterà di evitare il rischio di obesità nel gatto anziano: in tal modo aumentare fino a una vasta gamma di alimenti "light" e ricalcola la razione giornaliera in base alle istruzioni riportate sulla confezione. Potrebbe anche essere utile consultare il veterinario per impostare la nuova dieta del gatto con lui, a seconda del suo peso, della razza, dell'attività e della possibile storia di salute.

Qual è il ritmo giusto di alimentazione?

Per un gatto adulto fino a 7 anni, indicare la razione in due o tre pasti al giorno.Un'altra "scuola" è quella di lasciare il cibo tutto il giorno, una situazione in cui la maggior parte dei gatti si autoregola senza problemi. Molti proprietari prendono l'abitudine di fornire crocchette come "roditura", che non è dannoso per il gatto, è anche lì il suo naturale ritmo digestivo: lo stomaco del gatto avrebbe bisogno di Da 10 a 15 pasti divisi al giorno! Oltre alle crocchette, puoi dare il paté alle ore normali mattina, mezzogiorno e sera, ad esempio. Infine, qualunque sia il sistema scelto, fai attenzione a nutrire il tuo gatto abbastanza lontano dal suo giaciglio, in un angolo tranquillo, e dargli accesso permanente a una ciotola di acqua fresca.

Cibo standard o premium?

Nel commercio, sono disponibili due tipi di alimenti per animali: i cosiddetti alimenti standard, che si trovano nei supermercati, e i prodotti di qualità superiore, noti come "premium" o "salute" o alimenti veterinari. Questi sono anche disponibili su Internet e in circuiti specializzati come negozi di animali domestici o negozi di giardinaggio. Il vantaggio degli alimenti premium - oltre ad essere di migliore qualità! - le gamme sono segmentate in base a criteri quali razza, età e stile di vita dell'animale.

I prodotti su larga scala, nel frattempo, offrono anche gamme diverse a seconda dell'età e del fatto che il gatto è sterilizzato, ma rimangono aspecifici e spesso contengono più grassi e una base di cereali più ampia. Sono quindi meno ricchi in proporzione ai nutrienti essenziali come le proteine. Quindi, la quantità da consumare per lo stesso valore energetico è maggiore rispetto a un prodotto "premium" specializzato: se sono più costosi da acquistare, si rivelano economici a lungo termine e molto meglio per la salute del tuo gatto, che avrà meno probabilità di reclamare.

Loading...

Video: Alimenti umidi o secchi? I consigli della dieta ideale per il gatto.

Loading...

Condividi Con I Tuoi Amici