Prima E Dopo: Un Giardino, Mille Universi

Paesaggio dell'Opus Garden


un Prunus serrula il porto altero si riflette nella vasca rivestita di piante dai tenui colori tenui della primavera, il Euphorbia characias 'Wulfenii' in testa.

Un'area di maggese bonificata

Su questo appezzamento di 500 metri quadrati, una bella area per l'Ile-de-France, Alexandre Tonnerre si impegnò in una vera opera di riconquista.

Tesori, come un catalpa che abbiamo soprannominato "Il baule che balla", sono stati rivelati quando ci siamo liberati

Ogni giorno i proprietari attraversano il loro giardino per uscire in strada da una griglia situata di fronte alla loro casa; volevano quindi che il loro giardino fosse uno spazio vitale tanto da essere contemplato ai capricci di queste passeggiate quotidiane.

Paesaggio dell'Opus Garden

Alexandre Tonnerre ha realizzato questa piscina, installata dai precedenti proprietari, uno dei punti focali della sua realizzazione, vestendo la sua struttura in legno laccato di cemento e le perline di vetro decorative e crimpandola in un ambiente ricco di verde.

"Pezzi" con identità diverse

Alexandre Tonnerre ha quindi deciso di creare un giardino pieno di sorprese, che può essere scoperto durante le peregrinazioni e le stagioni. Punteggiato il campo delle siepi di ciondoli, ha composto diversi "pezzi" allo scoperto, che risparmiano le loro sorprese.

Le siepi mi hanno permesso di creare un mosaico di atmosfere diverse mantenendo al contempo un'immagine complessiva forte e coerente

Opus Garden landscape Sèvres

Per il paesaggista, la struttura del giardino è inseparabile dalla sua vegetazione. Mentre le siepi di ciondoli sono le linee principali della sua realizzazione, ha anche fatto in modo di lavorare le masse di arbusti e piante persistenti.

Paesaggio dell'Opus Garden


Siepi rigorosamente intagliate incontrano masse di piante dalle forme e dai colori variegati, alla cui testa Acer Palmatum ha foglie dentellate ed euforbia che catturano splendidamente la luce.

Paesaggio dell'Opus Garden


A sinistra: ogni siepe nasconde un universo piccolo e distinto; al piacere delle passeggiate, scopriamo ad esempio a Azalea japonica tagliato nel cloud
A destra: dalla casa estesa da una spettacolare veranda, il giardino può essere contemplato in tutta la sua ricchezza, qualunque sia la stagione

Un pendio meravigliosamente addomesticato

Anche Alexandre Tonnerre ha dovuto vivere su un terreno in pendenza. Mentre accentuando la grafica della sua realizzazione, le scale e i livelli del prato facilitano le passeggiate in giardino.

Paesaggio dell'Opus Garden

Le marce di quarzite prese in giro da erbe e piante perenni combinano la grafica della realizzazione.

Paesaggio dell'Opus Garden


A sinistra della casa, il terreno in pendenza è stato lavorato in fasi che conducono senza intoppi a un piccolo orto delimitato da un bordo di plessis.

Paesaggio dell'Opus Garden


In fondo al pendio, nel segreto del fogliame mescolato con Cornus alternifolia "Argentea" e fragili bambù, nascosti dai pompon dell'euphorbia, una panchina invita alla lettura... o alla contemplazione dell'azalea del Giappone tagliata in una nuvola.

Uno spettacolo permanente

Alexandre Tonnerre ha lavorato la sua tavolozza di verdure in modo che abbia sorprese in tutte le stagioni: quindi, se la primavera è piena di bulbi (Muscari armeniacum) e perenni (Asters, Rudbeckia, euforbie) in un'esplosione di forme e colori, l'inverno rivela le cortecce decorative di prunus e foglie d'autunno cotinus incandescente e le erbe illuminano il giardino.

Paesaggio dell'Opus Garden


Esplosione di colori primaverili con, in primo piano, il blu dei nontiscordardime del Caucaso, poi il viola del Cotinus x dummeri 'Grace' e infine l'euforbia giallo-verde.

Paesaggio dell'Opus Garden


In autunno, le erbe (qui, Molinie) illuminano il giardino, mentre i frutti del Callicarpa bodinieri 'Profusione', soprannominata "l'albero delle caramelle" rivela la loro bella tonalità viola nel quartiere di a Gingko biloba 'Fastigiata.

Condividi Con I Tuoi Amici